ODAKA YOGA

Muoversi come l’acqua. Sperimentare libertà e abilità di trasformare ogni resistenza in nuove forme di sè stessi.

Odaka Yoga è uno stile di yoga contemporaneo ideato da Roberto Milletti e Francesca Cassia che unisce le fondamenta dello yoga con la filosofia zen del bushido e l’osservazione del moto oceanico espressa con movimenti di biomeccanica corporea.

L’oceano con la sua fluidità e la sua forza è la fonte di ispirazione.

La nostra origine è nell’acqua (liquido amniotico), il nostro corpo è composto per l’80% di acqua. Muoversi con movimenti fluidi significa riscoprire e trasformare la nostra parte più profonda. Inoltre l’acqua nel suo fluire si adatta a qualsiasi forma e noi ispirandoci ad essa ci permettiamo di accomodarci in ogni circostanza senza rigidità.

E’una pratica dinamica basata sui principipi di adattabilità e trasformazione dove i movimenti si susseguono senza interruzione fino a fondersi l’uno nell’altro.

Propriocezione, consapevolezza e presenza in ogni gesto consentono di vivere pienamente ogni istante e sciogliere tensioni fisiche e mentali.

La transizione è importante quanto la posa. Questo aiuta un viaggio di non-identificaione. Le sequenze diventano energia che scorre, meditazione in movimento.

Il corpo e la mente si fanno cedevoli e attivi, fluiscono nel qui e ora.
I movimenti morbidi sono bilanciati e funzionali. Rafforzano ed allungano, creano spazio, risvegliano il tessuto miofasciale in una condizione di benessere e dinamismo interiore. Creano un legame con il ritmo respiratorio naturale e stimolano i fluidi vitali, agendo a livello linfatico,ematico e cefalorachidiano.

https://odakayoga.com/it/

ESSERE NATURA

Lezioni estive nel parco in Franciacorta

pureyoga, odaka yoga, Marina Caputo, Lago Iseo, Sebino, Franciacorta

Ogni giovedì dalle 20 alle 21 lezioni di yoga nel prato, ospiti della Cascina Clarabella. La pratica è adatta a tutti e il focus di questo ciclo è proprio il permettersi di lasciare andare e sentirsi parte integrante della natura.

Tante volte ci prendiamo dei momenti per ‘staccare’e ci riproponiamo di immergerci nel verde, ma lo facciamo in modo segmentato e fine a se stesso… senza andare in profondità e percepire noi stessi in un Tutto armonioso, un flusso unico, un’unica vibrazione.

pureyoga, odaka yoga, Marina Caputo, Lago Iseo, Sebino, Franciacorta

A questa espansione è dedicato questo percorso estivo, a risvegliare la nostra intelligenza più intima per lasciare andare il superfluo e riconnetterci con l’essenziale.

La cooperativa sociale e agricola Clarabella si trova nel cuore della Franciacorta, vicino al lago d’Iseo. E’un luogo tranquillo e accogliente che mi ha sempre ispirato, e ora vi spiego il perchè.

pureyoga, odaka yoga, Marina Caputo, Lago Iseo, Sebino, Franciacorta

Dal 2012 promuove percorsi di assistenza per il disagio psichico, crea occasioni di lavoro per persone con disabilità e si prende cura del territorio con coltivazioni biologiche, accoglienza turistica, eventi e progetti culturali e gastronomici. Produce vino, olio e miele bio, gestisce un agriturismo con camere e un ristorante che si chiama 180, proprio come la legge rivoluzionaria che ha cambiato la visione e l’approccio della malattia mentale.

Io sono per l’ascolto e la connessione sempre… e qui l’energia che si respira è di profonda crescita ed umanità. Così se attraverso le lezioni di yoga si potranno creare contatti, conoscenze e alimentare Unione noi saremo ancora Natura.

Wonder Woman Goodbye!!!

La bellezza non è perfetta

Anni fa parlai con un amico psicanalista in un momento della mia vita in cui avevo parecchia ansia.

Gli dissi rigidamente che mi trovavo ‘in difetto’come insegnante di yoga non riuscendo a controllarmi, a gestire almeno in parte questo stato d’animo attraverso la respirazione o la meditazione.

Lui mi rispose ‘pensi che noi psicologi siamo immuni da ansia o depressione?’

Mi resi conto che una sorta di presunzione/mania di controllo stava confondendo la mia ragione. Nonostante quotidianamente cerco la strada per lasciare andare e per trasmetterlo a chi fa yoga con me, la fragilità porta a galla atteggiamenti o pensieri compusivi con facilità.

La prova più tosta la stò avendo proprio ora, da due mesi a questa parte.

Dopo una piccola caduta in montagna in agosto ho avuto a intermittenza dolore molto forte nella zona lombare. Cerotti, taping, arnica, osteopata… forse l’articolazione sacro iliaca, forse contratture muscolari… Io nel frattempo ho continuato ad insegnare, fare lunghe camminate, corsi di formazione. Poi a Novembre un dolore forte al gluteo, come una pugnalata… costante.

Una mattina mi sveglio presto per andare a fare colazione fuori con il mio fidanzato, metto i piedi per terra e quasi svengo dal dolore! Sudo, mi si annebbia la vista, decisamente mi è impossibile stare in piedi. Mi sdraio e cerco di calmarmi e respirare…

Ho passato la prima settimana così …piangendo dal dolore, un dolore profondo, elettrico e snervante. Un dolore senza mai trovare una posizione che mi potesse dare sollievo, senza dormire, senza mai alzarmi, dipendendo dagli altri.

E qui introduco la prima delle mie false convinzioni da cambiare: la paura di chiedere! Di essere debole ed aver bisogno di aiuto!

E’una grazia, un sollievo per l’anima potersi affidare e sentire l’amore che qualcuno ti offre incondizionatamente.

pureyoga, odaka yoga, Marina Caputo, Lago Iseo, Sebino, Franciacorta

Tra il letto e il divano, senza interesse per nulla per lo stress di gestire il male ho fatto un ciclo di punture di antinfiammatorio senza benefici e di seguito di cortisone.

Proprio io che per prendere una tachipirina faccio testa o croce??? ( seconda falsa convinzione)

Sempre cercando di curare la causa e non la conseguenza, sempre portando l’attenzione per un benessere generale e per la prevenzione con uno stile di vita sana penso che i farmaci quando servono sono una grazia.

Quindi… Grazie cortisone! Un po’il tempo, il riposo e il farmaco giorno per giorno il dolore molla la presa e io riesco a rilassarmi e provare fiducia.

Il mio nervo sciatico stava soffrendo terribilmente. Sono abituata a ‘sentire’ i muscoli, le articolazioni, il ritmo del respiro… per questo ero impreparata.

Decido ovviamente di fare una rm. Risultato: ernia L5 S1

Ma come!!! Insegno yoga, mi ascolto, allungo, aiuto le persone a prendersi cura della propria schiena, mi piego in ogni asana ?!( terza falsa convinzione)

E’bello fare pace con le proprie imperfezioni e con la consapevolezza che il corpo cambia. Prendere coscientemente degli accorgimenti per ognuno di questi cambiamenti

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Io vivo con due uomini, il mio compagno e mio figlio, entrambi sono più forti fisicamente di me… quante volte stupidamente mi sono persa in competizioni assurde con loro invece di ascoltarmi!!!

E come dice una cara amica ‘arriva sempre a noi con naturalezza ciò che ci serve’

Fermarmi! Per andare verso i miei ritmi e la mia intimità. Attraversando l’esperienza del dolore e dell’impedimento.

Con molta pazienza e tanta meditazione l’attenuarsi del dolore forte ha permesso che io potessi avere spunti di riflessione e di crescita dall’esperienza che stavo avendo.

Ho ripreso in mano cose molto mie accantonate dalla velocità delle giornate e ho ridimensionato certi pensieri.

Io che mi identifico molto, forse troppo con il mio corpo elastico e forte, con la sacralità della mia pratica quotidiana, con la mia fisicità e con il lavoro d’insegnante ( quarta falsa convinzione), ho fatto pace con l’impedimento. Presunzione yogica!!!

Ho capito che ne avrò ancora per molto anche se miglioro continuamente.

Ho ripreso a fare lezioni senza praticare per tutto il tempo e introducendo spunti alternativi.

Ho ripreso a nuotare ed è magnifico quanto mi faccia stare bene!!!

Ho ripreso la mia pratica quotidiana facendo sequenze morbide che mi aiutano ad alleggerire la colonna. Le flessioni in avanti che tanto amo e certe torsioni per il momento restano solo un pensiero.

E soprattutto ho ripreso a guardarmi con compassione, felice per tutto quello che faccio e con la nuova convinzione che la belllezza non è perfetta.

Tornare a casa

Ritrovarsi, condividere e lasciare andare

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Lo yoga festival a Milano è un appuntamento piacevole dove poter provare tante pratiche diverse e incontrare colleghi e amici che non vedo da tempo.

Quest’anno ho avuto il piacere di portare una mia allieva e di vedere il suo entusiasmo nello sperimentare le lezioni.

E’stato molto bello condividere scoperte, emozioni e fatica😂

La cosa meravigliosa è ritrovare ogni volta come se fosse ieri la community di Odaka yoga. Sempre molto unita e coinvolgente, quando srotolo il tappetino e inizio la pratica con loro mi sento a casa. E finalmente faccio yoga per me soltanto e mi lascio andare!!!

Onde, movimenti morbidi, presenza in ogni istante dal proprio centro alle estremità e oltre… ad abbracciare tutta l’energia intorno. Attraverso il divenire fluidi la possibilità per se stessi di ammorbidire, sciogliere e andare in profondità. Sia nel corpo che nell’anima.

Verde Benessere

Il tè per meditare

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Il tè matcha è un tè verde giapponese dalle proprietà antiossidanti eccezionali. Contiene polifenoli e diversi aminoacidi che aiutano a ridurre lo stress psicofisico, e l’acido glutammico che agisce sul sistema nervoso centrale.

E’un rimedio antivecchiamento, drenante e disintossicante. Calma le mucose dello stomaco e dell’intestino e agisce sulle malattie infiammatorie proteggendo fegato e acidità gastrica.

A livello nervoso migliora l’umore aumentando i livelli di aminoacidi gaba nel cervello ( un neurotrasmettitore del SNC). Stimola dopamina e serotonina, sostanze che insieme donano migliore concentrazione, benessere e stimolano la memoria.

Contiene molta clorofilla, e infatti ha un colore verde meraviglioso! La clorofilla ha una struttura quasi identica all’emoglobina. Questo permette di migliorare la qualità del nostro sangue e di fornire alte dosi di magnesio biodisponibile. La clorofilla, inoltre, è in grado di eliminare metalli pesanti e altre tossine.

Utilizzato nella Cerimonia del tè per secoli è in polvere finissima ed è considerato il più pregiato in Giappone.

Una caratteristica molto interessante è che pur contenendo molta caffeina questa viene rilasciata molto lentamente per diverse ore favorendo uno stato di attenzione vigile. I monaci buddhisti lo utilizzano durante la meditazione: rilassa la mente e tiene viva la concentrazione!

Io amo preparami una tazza di tè matcha il pomeriggio con calma e attenzione. La tazza giusta, la temperatura giusta e il tempo per me. Spesso nei workshop mi organizzo per offrirlo ai miei allievi dopo la pratica. Un momento per scaldarci e nutrire la nostra anima in condivisione.

Il y a toujours une première fois

…dopo puoi solo migliorare…💚

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Mi ricordo quel giorno in Camargue, scappando di continuo agli attacchi di acutissime zanzare, mi sono lasciata convincere da mio figlio a fare una passeggiata con i famosi cavalli bianchi, bellissimi.

Tramonto fantastico, paesaggio silenzioso e selvaggio… questa la cornice… DELLA MIA PAURA!!!!!!!!!!

E in realtà non sapevo che avrei avuto così paura fino a quando mi sono trovata sopra questo essere vivente. Bello , fiero e ovviamente imprevedibile. E alto.

Mio figlio che già era stato più`volte a cavallo da noi in Franciacorta non si curava di me e non vedeva l’ora di partire. Presuntuoso e distratto. Mi sembrava lui il grande e io la piccola!

Studiavo l’animale con ansia cercando di capire se potevo fidarmi di lui. Volevo convincermi che fosse lui, il mio, il più calmo ed affidabile della mandria.

I colori nel cielo si trasformavano in continuazione dal rosso infuocato al rosa che si perdeva con i fenicotteri all’orizzonte.

Nonostante fossi completamente bloccata qualcosa di piacevole si stava facendo spazio dentro di me. Mi stavo lasciando andare al nuovo, all’esperienza, all’ignoto. E la natura mi stava dando una gran mano davvero!

Il ragazzo che gestiva il maneggio vedendomi un po’impacciata, praticamente ferma, mentre gli altri già erano partiti, con cappello da cowboy e sorriso smagliante si avvicina e mi dice ‘Ne t’inquiéte pas, il y a toujours une première fois !!!’. Da’ una pacca al cavallo che senza indugio parte convinto e morbido… piacevole.

E cosa è accaduto dopo?

Pura gioia!!!!… emozioni e condivisione vera. Un tutto profondo con la natura che si avvicinava alla sera.

Quanto il timore di non conoscere ci blocca dal fare un’esperienza?

Il non sapere come poter gestire una cosa nuova, una situazione che ci fa paura, ci scuote e per contro ci fa vedere gli altri a proprio agio. Tante volte è cosi`radicata in noi questa modalità dal farci agire per non trovarci mai davanti a questa opportunità di sperimentare nuove parti di noi, nuova vita.

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Io pensando alla me stessa di quel momento sorrido e provo tenerezza. Allora lo sguardo determinato e le parole giuste di un estraneo hanno placato timori per lasciare spazio a ciò che poteva essere.

Ora questa motivazione la cerco sempre dentro di me e la coltivo. Penso che sia un privilegio quel brivido della prima volta e che poi è altrettanto un privilegio assaporare la conoscenza e affinare le proprie capacità. In qualunque ambito, nella luce e nell’ombra di cui la vita è fatta.

Neanche a dirlo, lo yoga e la meditazione sono state la mia strada per questa apertura. Quasi si è ribaltata la prospettiva. Se sento che per lungo tempo non sto facendo qualcosa per la prima volta mi fermo e penso ‘Marina, sei sicura che va tutto bene?’

L’espansione verso il momento presente che lo yoga porta con se aiuta ad essere centrati e reattivi, pronti a surfare qualunque onda stia per arrivare. Con la meditazione inoltre riusciamo a divincolarci da attaccamenti pericolosi che pensiamo ci proteggano e invece sono il nostro peggior nemico. E con il tempo sviluppare resilienza e spazio.

Ho riletto recentemente il libro di un’autrice che mi piace molto: Chiara Gamberale. S’intitola ‘Per dieci minuti’. Parla di una ragazza che ha perso un bel pò di certezze e attraversa un periodo di crisi e di vuoto. La sua terapista le suggerisce per un mese di fare qualcosa di nuovo per dieci minuti ogni giorno tenendo un diario. Così facendo, in un clima semplice e frizzante, la protagonista si trova ad accogliere una realtà che non avrebbe mai immaginato, a fare scelte sorprendenti da cui ripartire.

Di giorno in giorno come se ogni esperienza si trasformasse in speranza. Come se ogni giorno potesse trasmettere a quello che segue una possibilità anche quando tutto trema intorno e dentro.

Vorrei concludere proprio con una frase del Corriere della sera che descrive questo libro:

‘Il meglio sta in tutte quelle esperienze interessanti che ancora ci aspettano’

Frammenti di una domenica d’autunno

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Ieri siamo stati ospiti dell’azienda agricola Bertoli Emiliana a Pontoglio. L’occasione è stata una splendida pratica in connessione con la natura tra i filari e in conclusione un delizioso brunch con prodotti locali fatti in casa.

Colori concilianti, galli che cantano, galline, maiali, profumi di ottobre e tanta, tanta partecipazione ed energia.

La lezione è stata proprio dedicata alla percezione e allo scambio di questa energia, tra il nostro interno e l’ambiente circostante. All’ascolto della trasformazione continua che avviene con lo yoga. All’ attivazione e al riequilibrio di tutti chakra.

Il brunch una vera coccola, come a casa. Pane e marmellata di frutti di bosco, torta di mela, crostate, torte salate con verdure, frittelle di mele calde con cannella, infuso di menta macerata e caffè.

Molecole di grazia

A volte basta una copertina

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Fine settembre, i colori stanno cambiando… l’aria è un misto di foschia e rossore, fresca. Il profumo è dolciastro e ti avvolge.

Un invito velato al ritiro dei sensi, a spostarsi un po’all’ interno.

Camminando mi accorgo che è il tempo in cui fiorisce una pianta che amo molto: l’osmanthus. Mi piace per l’esplosione pazzesca del suo profumo misto tra arancia e pesca, in un momento discreto e riservato in cui tutta la natura è richiamata al riposo.

Un regalo meraviglioso che mi ha fatto lo yoga è l’ascolto, di me stessa e di tutto quello che mi circonda. La capacità e il desiderio di vivere seguendo i ritmi della terra. E quando questo accade si innesca un vortice positivo che ti aiuta a stare bene e a vivere connesso… che è l’unica modalità di vita serena.

Connesso nel vero senso della parola, non in quello digitale da cui proprio in questo periodo bisognerebbe prendere una pausa.

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Io approfitto sempre di questa stagione per mettere un pò a riposo il corpo che in estate vive il periodo più frenetico.

Con l’arrivo dell’autunno l’orto ti viene in aiuto con frutti eccezionali dalle innumerevoli proprietà antiossidanti.

Zucca, barbabietole, melograni, radicchio, broccoli, cavoli, porri, uva, mele, pere… Io non mi faccio mai mancare anche banane, kiwi, noci e prugne che aumentano la produzione di serotonina che in questi mesi può andare calando.

La mia pratica yoga diventa più intima, senza forzature, senza presunzione. In totale ascolto e accetazione dei limiti. Ho bisogno di rallentare e portarmi verso il mio cuore. Soprattuto ora che la mia mente è indaffarata ad organizzare, raggiungere, intersecare cose.

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Quando ti ascolti profondamente, luce e ombra, aumenti la capacità di provare compassione. E la compassione ti riconnette al tutto.

Il mondo sarebbe un posto migliore se facessimo inaspettati atti giornalieri di compassione.

Reazioni a catena di grazia.

Un sorriso, un piccolo aiuto, una reazione più morbida ad una provocazione, un ascolto più profondo, un pò di tempo da dedicare a qualcuno, una telefonata o un messaggio per interessarsi, un regalo inatteso…

Ieri sera ero sul divano con mio figlio, tisana e serie Friends… già per me era un momento lento e quieto. Direi perfetto.

La cosa che mi ha sorpreso e scaldato in tutti i sensi? Avevo sonno, freddo, ero tutta rannicchiata. E lui mi ha messo una copertina addosso… morbida, calda, verde e gentile.

Ci ho messo meno di un minuto ad addormentarmi con il cuore pieno e il sorriso sulle labbra!

Un gesto inaspettato di amore e di cura, che ha suscitato in me altrettanta voglia di regalare attenzione.

L’autunno può essere il momento più naturale per essere cedevole e conciliante.

Asseconda il tuo cuore!

Corsi di yoga a Enjoy dance Sarnico

Da questa settimana sono iniziati i corsi presso la scuola di danza Enjoy Dance a Sarnico. Quest’anno proponiamo molte lezioni in più!

👉dai un’occhiata alla locandina di seguito e trova il tuo orario! Per avere informazioni su tipologia di lezioni, prezzi e posti disponibili contattami

🌱 345 9312673 🌱 marinacaputo@pureyoga.it

Nuovo corso di Odaka Yoga in Cascina Clarabella

Da martedì 17 settembre inizia un nuovo corso di yoga presso la Cascina Clarabella di Cortefranca. E’un luogo etico e rilassante dove potrai lasciarti coinvolgere in tantissime altre interessanti iniziative.

Le lezioni sono adatte a tutti, anche a chi non ha mai praticato. Oltre alle asana e alle sequenze per trovare i giusti allineamenti e sincronizzare il nostro respiro al movimento esploreremo tecniche di rilassamento e meditazione.

Scrivimi o chiama per avere formazioni:

👉 marinacaputo@pureyoga.it 345 9312673 👉qui sotto la locandina con informazioni!

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

‘With all your glitter, and all of your gold … TAKE CARE OF YOUR SOUL’

La manutenzione della vita vera

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Questo è il mio pranzo di oggi … non male vero? Insalatina fresca con germogli e frutta e acqua aromatizzata con boccioli di rosa! E pensare che stavo cadendo nel facile tranello di scuse inconfutabili che mi avrebbero portato a mangiare una piadina veloce.

Ho preso spunto da una canzone che amo molto per fare due riflessioni sull’atteggiamento comune di usare tempo e soldi e energia per nutrire l’esterno … e poco, troppo poco la nostra anima.

La pratica yoga aiuta tantissimo a perseguire delle modalità più virtuose perchè conduce ad ascoltarsi e conoscersi. E perchè ti restituisce il giusto spazio temporale.

Il modo più bello per valorizzare la propria vita è dar luce e celebrare le piccole cose.

Io amo tantissimo la cura dei dettagli, anche quando sono sola… mi stimola, rende più importante ogni momento e mi nutre.

pureyoga, odaka yoga, Marina Caputo, Lago Iseo, Sebino, Franciacorta

Quando mi preparo qualcosa da mangiare amo farlo con calma e scegliendo qualcosa che mi può far stare bene. Se devo guidare cerco di farlo senza fretta, cambiando spesso strade e musica. Cerco di stare il più possibile all’aria aperta. Mi piace che la mia casa sia pulita ed organizzata, che parli di me, che mi accolga. Un bicchiere di vino con gli amici, un libro che mi fa compagnia, camminare nel verde o nuotare. Prendersi cura di qualcuno… Annusare un fiore…Guardare i miei gatti … Ogni piccolo gesto può essere fatto con più presenza. Ogni gesto che sia un piacere per sè.

Prendersi cura si sè è una faccenda seria, è seriamente fantastico!

Ti aiuta a seguire il tuo DHARMA, ad amarti e saper amare, ad espandere la tua coscienza per poter diventare la migliore forma di te.

In questo modo si può assaporare in un modo diverso tutto quello che ci circonda e per riflesso il nostro interno. E di conseguenza fare le scelte migliori e più sane.

Per questo è importante saper coltivare le cose che ti fanno stare bene e che sono nutrienti per te, facendo attenzione che non siano solo la risposta alle esigenze del tuo ego.

Non importa a che punto della tua vita sei, in quale momento… è sempre il momento giusto per fare di ogni piccolo gesto il tuo capolavoro.

pureyoga, odaka yoga, lago d'Iseo e Franciacorta

Non sto parlando di disciplina imprescindibile e di rinunce. Tante volte amarsi vuol dire anche bersi una birra con due patatine fritte! E’ SAPERE che fa la differenza, sapere amarsi nutrendosi con cose invisibili agli occhi.

Saper brillare e scintillare di qualcosa di materiale ma avere la coscienza che non puoi accontentare la tua anima con oro e luccichii.