Sankalpa, il desiderio dell’anima

Un Sankalpa è un’affermazione che guida e, nel contempo, focalizza la mente sulle tappe fondamentali che ci porteranno verso la realizzazione del nostro dharma ( il proprio scopo principale, il perché della propria vita).
E’ un concetto già presente nei Veda e nelle Upanishad, i testi religiosi e filosofici indiani composti in lingua sanscrita dal IX-VIII secolo a.C.

Kalpa significa “voto”, o “regola da seguire al di sopra di tutte le altre regole”. San si riferisce ad una connessione con la più alta verità. Sankalpa, traducibile come “voto”, “proponimento”, “idea”, “intenzione”, quindi, è un impegno che prendiamo per sostenere la nostra più alta verità.

Quindi un Sankalpa diventa un’affermazione che puoi invocare per ricordarti della tua vera natura e per guidare le tue scelte

Sankalpa può essere perciò il desiderio dell’anima perché non proviene dalla mente guidata dall’ego, ma dalla nostra saggezza e dalle intuizione superiori.

Scoprirlo è un processo di auto-ascolto. Il tuo sincero desiderio è già presente dentro di te, in attesa di essere visto, ascoltato e sentito. Per poter realizzare la parte più autentica di te.

Potrebbe sembrare simile a ‘obiettivo’ma quest’ultimo spesso nasce da stimolazioni esterne.

Il Sankalpa nasce dalla profonda connessione tra cuore e mente.

Per aiutarti ad inviduare il tuo Sankalpa, prova a farti queste domande: “Cosa voglio davvero?”, “Qual è la causa della mia sofferenza?”, “Cosa desidero raggiungere veramente?

Puoi ascoltare il tuo cuore, oppure la tua mente calma, durante la meditazione.

La ripetizione, tutti i giorni per almeno tre settimane, durante la meditazione è come piantare un seme. Infatti, il Sankalpa è come un seme che hai creato e piantato nel terreno della tua mente.

Una volta che il seme del Sankalpa è piantato profondamente nel subconscio, raccoglierà le grandi forze della mente, in modo da germogliare e fornire il risultato che desideri.

Solitamente si parla di Sankalpa nello Yoga Nidra ( stile che conduce ad uno stato di rilassamento meditativo profondo) dato che permette all’ intenzione di andare molto in profondità nella psiche, così che l’ intenzione lavori direttamente al di là della mente.

Può essere fatta anche prima di qualsiasi pratica yogica, prima della meditazione, o addirittura all’inizio di un nuovo giorno, un po’ come un buon proposito quindi.

Esprimere sankalpa significa creare la vita che siamo destinati ad abbracciare.

Lo scopo è quello di trasformare la propria vita fisicamente, mentalmente, emotivamente e spiritualmente.

Per esprimerlo usa parole semplici e positive, trasparenti. Ripetitelo spesso e con fiducia nei momenti di calma e prenditi la totale responsabilità della tua intenzione.

Qual è il tuo Sankalpa, il tuo desiderio dell’anima?
Individualo, pianta il seme e lascialo germogliare…

Quale momento migliore dell’arrivo della primavera per coltivare la nostra essenza?

Sii il cambiamento che vorresti vedere avvenire nel mondo.’